sabato 27 marzo 2010

La colomba alle albicocche.


Eccoci, domani è la domenica delle Palme, entriamo nella settimana santa... Pasqua ormai è qui, quindi come tutti gli anni mi son messa all'opera per "colombare" :-)
Fino a qualche anno fa mi sembrava impossibile che certi dolci come colomba, pandoro e panettone si potessero fare in casa...poi su CucinaIt ho scoperto che non solo mi sbagliavo, ma che tutto sommato non è nemmeno tanto complicato.... almeno per quanto riguarda la colomba.
Ai tempi non avevo ancora il mio carissimo Ken e la colomba è stato il primo dolce lievitato che ho provato ad impastare a mano... una faticaccia!!!! Ogni impasto ho dovuto lavorarlo per più di un'ora, ma comunque il risultato mi aveva enormemente soddisfatta!
Quindi, anche chi non ha un'impastatrice può tranquillamente provare a farla, basta armarsi di parecchio olio di gomito e pazienza, ma con questa ricetta il risultato è garantito!
E per Anna che al telefono mi chiedeva:"...ma Paolè.... quando la mangi somiglia a una colomba vera?" la risposta è: è meglio di una colomba industriale! Un profumo indescrivibile e una morbidezza da provare!

Ecco la ricetta:
Colomba di Gennarino modificata da Elisabetta Moretti - dosi x 2 colombe da 750 gr.
(metto in BLU le mie indicazioni sugli orari)
Polish: (venerdì mattina, ore 7)
5 gr di lievito di birra
125 ml di latte
125 gr di Manitoba (io Molino Chiavazza)

Mescolare tutti gli ingredienti in una ciotola e lasciar lievitare per 8-12 ore.

Primo impasto: (venerdì sera ore 19)
tutto il polish
65 gr di zucchero
50 gr di tuorli (3 tuorli)
95 gr di acqua
70 gr di burro
250 gr di Manitoba

Stemperare il polish con l'acqua tiepida (devi avvertire appena il tepore dell'acqua).
Aggiungere qualche cucchiaio di farina, quindi lo zucchero e metà dei tuorli. Continuare ad impastare, quindi aggiungere la restante farina. Quando l'impasto è ben asciutto aggiungere i restanti tuorli e lavorare finche limpasto non assorbe i tuorli e torna asciutto ed elastico; non deve attaccare alle mani. Aggiungere quindi il burro morbido (non sciolto!). Incordare bene, quindi mettere la pasta a lievitare fino a quanto non avrà triplicato il volume, circa 12 ore o più.

Secondo impasto: (sabato mattina ore 8)
il primo impasto
65 gr di zucchero
5 gr di miele
25 gr di acqua
50 gr di tuorli (sempre 3)
125 gr di farina 00 (io ho usato sempre manitoba!)
4 gr di sale
65 gr di burro
125 gr di canditi (consigliati i cubetti di arancia) ( io ho usato albicocche!)
1 pizzico di vaniglia (io ho usato 1 cucchiaino di estratto di vaniglia)

Prendere il primo impasto e aggiungere lo zucchero, il miele, l'acqua e metà dei tuorli. Dopo qualche minuto aggiungere la farina, lavorare il tutto e quando l'impasto è bello asciutto incorporare i tuorli restanti. Continuare a impastare e quando il composto prende nervo ed elasticità aggiungere il sale, la vaniglia, il burro sciolto e intiepidito (io ho usato burro morbido, non sciolto) e successivamente i canditi. Lasciar riposare l'impasto per circa 45-60 minuti. Dividere quindi in due e mettere negli stampi per colomba. Mettere a lievitare 4-5 ore.

Ghiaccia per colomba:
15 gr di mandorle dolci
75 gr di zucchero semolato
albume q.b.

Macinare mandorle e zucchero aggiungendo albume fino ad ottenere una pasta fine spalmabile.
In pasticceria si usa la raffinatrice, ma si può sostituire con un qualsiasi tritatutto.
Spalmare la superficie delle colombe con la ghiaccia. Cospargere con mandorle intere e granella di zucchero. Spolverare di zucchero a velo prima di infornare.
Cuocere a 190-200 gradi in forno ventilato per circa mezz'ora (nel mio forno a 160 gradi 30 minuti; gli ultimi 10 minuti coprendo con alluminio per non far scurire troppo la superficie).

Quest'anno invece di mettere i canditi come al solito, ho provato ad aggiungere le albicocche denocciolate tagliate a dadini, io le chiamo albicocche secche, ma sono morbide...avete presente le prugne secche? Ecco.... quella consistenza lì.... "sono stata spiegata"???? :-D
Per farle raffreddare senza correre il rischio che la colomba "spanci" e si sgonfi, appena fuori dal forno le infilzo con degli aghi d'acciaio e le capovolgo sopra una cassettina di legno che le sostiene senza farle appoggiare.

Sulla superficie di una delle due colombe, invece delle mandorle intere ho messo le mandorle a filetti, volevo vedere che effetto faceva..... eccola qua! A me piace molto!


Ed ecco qui una foto dell'interno!!!! Sofficissimo!!!

Buona serata a tutti!
Paola

PS. con questa ricetta partecipo alla raccolta "Pasqua nel piatto" di Cicciapasticcia!


Aggiornamento del 11 aprile 2011: con questa ricetta partecipo al contest del Molino Chiavazza: Una raccolta di ricette pasquali


19 febbraio 2012: con questa ricetta partecipo al contest Pasqua lievitata di aboutfood
PASQUA

Bookmark and Share
Stampa il post

16 commenti:

manuela e silvia ha detto...

Ciao! Certo che sei diventata bravissima a realizzare questi dolci! Putroppo richiedono molto più tempo di quanto riusciremmo a dedicarci, quindi diventa un po' difficile per noi provarci, ma non si sa mai....prima o poi!
Buonissima anche l'idea della variante alle albicocche!
baci baci

anna ha detto...

BELLISSIMA!!!!
Questa colomba e' uno spettacolo,Paole'.
Le foto,sono splendide,soprattutto con quel vassoio,il centrino e il fascio di fiori.Bravissima!
Mi viene un dubbio,non e' che insieme alle albicocche,hai messo anche qualche pezzettino di daikon? Non so perche'(ah,ah,ah,)ma da qualche giorno,questo coso mi perseguita.Tu ne sai qualcosa Paole'.

piccoLINA ha detto...

Anna...mi fai schiantare dalle risate!!! Certo che dopo certe considerazioni il daikon è difficile da dimenticare...ahahahah!!!! Sono pessima lo so!!!

@Manu e Silvia: grazie davvero! Comunque credetemi, se avete un'impastatrice, il lavoro per voi è minimo, solo aggiungere gli ingredienti! Val la pena provare almeno una volta!

Un abbraccio!!!!

rosella ha detto...

Altro che le tortarelle della Rosella: qui siamo all'università della cucina! Un timido ringraziameto alla tua maestria... e non dire che è merito del Ken: sei tu brava!
e comunque, hai idea di quanto costi la tua impastatrice? E' abbordabile? Un abbraccio
Rosella

piccoLINA ha detto...

Rosellina, grazie!
Ti assicuro che se non avessi in ken non potrei mai ottenere questi risultati, la differenza c'è, te lo assicuro perchè l'ho provato con le mie mani.
Il mio ken comunque è abbordabilissimo, io l'ho preso in rete 3 anni fa. Non volevo l'ultimo modello super-ultra-iper-moderno, il mio è un modello vecchio, ha 750 watt di potenza (che non è molto)ma per gli usi casalinghi è davvero più che sufficiente! Come dire... se guido in strada a 50 all'ora è inutile comprare una ferrari, no? Io sono per l'essenziale, ecco!
Credo che adesso un modello simile al mio lo trovi anche a meno di 200 euro. Se vuoi faccio una ricerca e ti faccio sapere!
Un abbraccio cara!!!
Smakkete
Paola

enrichina ha detto...

Buonasera Paola,
bellissima la colomba... a saperlo che la facevi così bene invece di andare al corso oggi facevo un salto a casa tua...complimentissimi!!
Buona serata
Enrica

emamama ha detto...

bella,buona e soffice....una fetta x colazione sarebbe l'ideale....bravissima!!
buona settimana Enza

piccoLINA ha detto...

@Enrica non sai quanto ti ho pensata per quel corso, mi sarebbe piaciuto un sacco farlo! Come e' stato??? Un abbraccio!

@Enza grazie.... in effetti stamattina e' stata una dolcissima colazione, ci voleva x iniziare la settimana col piede giusto!

Buona giornata a tutti!!!!

tinuk ha detto...

Bellissima Paoletta!!!Splendida colomba!
Anch'io sono per l'essenziale ma.....
se mi regalassero una Ferrari
.. ci facciamo un giro
insieme sulla costiera amalfitana ?
Guidi tu però perchè io mi devo concentrare sul 'suono' del motore :-))
Rosella io ho il Brown Assistant ed oggi ho visto che lo usavano alla prova del cuoco.
Costa meno del Ken ed è efficentissimo.
O sarà che mi accontento
....meno dell'essenziale? :-))
tinuk

Miri ha detto...

mamma mia noncelapossofareeeeee...troppo brava...ma senza una brown o ken...non è fattibile...però complimenti Piccolina...

rosella ha detto...

Tenendo conto che non posso mettere un'altra caccavellona in cucina, il mio Bosch robot normale potrebbe farcela? Farò un conto del peso degli ingredienti per vedere se li reggerebbe. E se dimezzassi gli ingredienti per fare una colomba sola? Troppo m'attizza questa ricetta!
Per andare sulla Costiera dovreste passare da qui: farò l'autostop ( c'è un altro posto sulla Ferrari?)
Baci. Rosella

piccoLINA ha detto...

Rosella, alla fine ottieni un impasto di circa 1,4 kg totali. Tieni presente che io ho provato anche a farla, quando ancora non avevo il Ken, usando il robot di mia sorella che e' un simil bravo simac, tanto per farti capire.... Lo riempivo per bene e alla fine l'impasto si arrampicava su per le lame, ma ce la faceva.
Magari riduci di un terzo e fai una colomba da 1 kg circa!
Un abbraccio
Paola

Ps. se passiamo di li, ti prendiamo di certo e ti portiamo con noi....sai le risate???? :-)

Davide - Cucciolo ha detto...

una bomba di colomba!! Paola!! Insuperabile!!

Da una sensazione di sofficità!!
mmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmmm

Buonissima!!!

Molino Chiavazza ha detto...

Complimenti!!! Una ricetta di non facile realizzazione, ma le immagini fanno intuire che è venuta una colomba semplicemente perfetta.Grazie per aver partecipato.

maria luisa ♥ ha detto...

Semplicemente STRE-PI-TO-SA, davvero complimenti!

ristorante padova ha detto...

bontà! complimenti!

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails