venerdì 9 marzo 2012

Crackers a lievitazione naturale.




Vi ricordate di Identita' Golose e del lievito arzillissimo che avevo ricevuto da Simone Salvini????
Bene... il lievito in questione ha una grinta incredibile e mi da un sacco di soddisfazioni!!!!
Diversamente da quello che avevo in precedenza, di lontana discendenza delle sorelle Simili, questo lo rinfresco con pari peso di acqua e farina, cosi' che la sua consistenza e' cremosa, decisamente piu' liquida e per questo al telefono con Mr.Pins abbiamo iniziato a chiamarlo LiLi (Lievito Liquido).
Il rovescio della medaglia di questo Lili tanto attivo, e' che mi tocca panificare 2 volte alla settimana e sto diventando una sorta di Pina Fantozzi, col freezer pieno di pane (e guai ai primo che ride per il riferimento alla Pina!!!!).... allora sto cercando delle alternative alle solite pagnotte e per questo giro mi son giocata i crackers, ricetta delle Simili che davvero non ne sbagliano  una!


Crackers a lievitazione naturale - dal libro Pane e roba dolce, delle Simili
Ingredienti:
300 g lievito madre rinfrescato dalla sera prima,
60 g burro morbido,
30 g strutto,
250 g farina,
120 ml acqua,
2 cucchiaini di sale.

Fare la fontana con la farina, mettervi al centro il lievito a pezzetti, i grassi e il sale. Aggiungere l’acqua, sciogliere il tutto e amalgamare bene, lavorando per almeno 8-10’: la pasta dovrà risultare non troppo soda.
Lasciarla lievitare per 3-4 h, finché si sarà un poco gonfiata.
Tirarla molto sottile, tagliarla in piccoli quadrati o rettangoli, bucherellarli con i rebbi di una forchetta e cuocerli in forno a 190 °C per 10’.
Volendo si può cospargerne la superficie con sale grosso o con semi di sesamo, papavero o finocchio. I semi possono anche essere aggiunti all’impasto.

E’ interessante notare come in questo impasto, che non deve lievitare molto, le Simili aggiungano il sale e i grassi direttamente al lievito.

Avendo io un lievito piu' liquido, ho ridotto leggermente la quantita' di acqua rispetto alla ricetta, invece di 120 ml ne ho usati solo 80!
Ho steso l'impasto col mattarello,  dopo aver tirato la sfoglia delle tagliatelle e' stato un gioco da ragazzi! 
Tagliato i rettangoli con la rotella della pizza e i tondi con un bicchiere!
La prossima volta (perche' ci sara' di certo) voglio provare a mettere delle erbe nell'impasto, magari del rosmarino fresco tritato o della salvia in povere!


I crackers sono fragranti e croccanti e si mantengono ottimi per giorni se li conservate in una scatola di latta!
E a breve un panbrioche col mio Lili!!!!

Con questa ricetta partecipo al contest di Polvere di peperoncino: The foodbook


Un abbraccio
Paola
Bookmark and Share
Stampa il post

13 commenti:

Federica ha detto...

Troppo buoni e stuzzicosi ^_^ Un bacio, buon we

lucyinvacanzadaunavita ha detto...

brava!! io non l'ho preso, mi mette ancora un po' di soggezione il lievito madre e poi non riesco ad essere così costate... ma durante le vacanze di carnevale ne ho parlato con il mio amico pasticcere che lo usa da tempo (e nei primi tentativi mi ha detto di aver buttato 50 kg di panettone!). Il suo racconto mi ha affascinata. In più mi ha detto che lui l'ha lasciato 25 gg in frigo senza fargli nulla, pensava di averlo perso e invece un po' per volta si è ripreso. La prossima volta che vado in montagna mi faccio fare un mini corso.... e poi si vedrà! Un bacione!

Damiana ha detto...

Insomma c'è una sorta di combattimento nella tua cucina,una scena fantozziana tra la Pina e il lievitino!!Però niente feriti,ma solo bontà..questi crakers vanno fatti assolutamente!!UN baciuzzo bella Paoletta e buon w.e!!

Cinzia ha detto...

Belli!! Io purtroppo ho fatto morire il mio LM per lo stesso motivo, altro che Pina...in due non facevamo in tempo a mangiare tutto quel pane!
Però la passione mi è rimasta! Un baciotto!

Chiara Picoco ha detto...

Io adesso lo sto rinfrescando a 20+20 ogni 8/10 ore e domani faccio il panbrioche, non vedo l'ora di sperimentare e dirti come è venuto.
Ah, grazie ancora per avermi dato un figlioletto della tua Lili, il mio Alfie è fantastico e superattivo.

Marjlou ha detto...

Grazie per questa splendida ricetta, ti ho appena inserita nell'elenco delle partecipanti. In bocca al lupo! :D

laroby ha detto...

brava paola!!! allora grazie a lili :-) per questa tua ricetta !!! un grande abbraccio

noake ha detto...

passa da me per ritirare il premio cake blog di qualità...bacini

noake ha detto...

passa da me per ritirare il premio cake blog di qualità...bacini

Francesca ha detto...

Idea fantastica, grazie per aver condiviso la ricetta delle Simili, la provo! Poi aspetto anche il pan brioche! ciao, a presto :)

Ely ha detto...

Posso dire che sono rimasta incantata dalla foto prima che dalla ricetta? Mi da quel senso di casa, di antico e di famiglia... mi piace da morire, oltre che alla ricetta ma tra le sorelle e te non ci si può sbagliare!!!! Baci

piccoLINA ha detto...

Grazie a tutte!!!!
Ely, sei un tsoro! Un abbraccio grandissimo!

Anonimo ha detto...

Sono venuti benissimo!! Mi fai venir voglia di provare....Anch'io uso il lili da alcuni anni. In confronto al lievito madre tradizionale è molto più facile da gestire. Se non ha bisogno di preparare pane o altro puoi lasciarlo in frigorifero anche 15 gg. senza rinfresco e non succede nulla :) Puoi lasciarlo anche di più però dovrai fare più rinfreschi prima di usarlo. Vado a vedere se il pane è lievitato:))
Ciao e complimenti ancora!!
Roberta

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails