mercoledì 26 settembre 2012

La mia Pasqualina per l'MTC

E adesso che l'ho preparata, cucinata, assaggiata e gustata...adesso lo so... la Vitto non e' quella stregaccia che vuole farci credere, ma e' una fata!!!!

Me lo ricordo bene quando ho assaggiato la mia prima pasqualina e ricordo anche molto piu' bene che non mi era piaciuta per niente (e diciamo che avrei potuto usare un'espressione piu' colorita per rendere bene QUANTO non mi fosse piaciuta!).
Ero una marmocchietta settenne in vacanza con la zia in un piccolo paesino della Liguria in provincia di Savona... me lo ricordo benissimo perche' vedendo tutte le macchine targate SV avevo fatto ridere mezz'ora mia zia esclamando: "pero' quanti SVizzeri vengono in vacanza qui!" ... va bhe... e' concesso ridere e sganasciarsi, ma con moderazione... sempre settenne ero! ^___^
Pensione Maristella... un alloggio modesto ma che per me era il piu' bello del mondo, perche' era quello delle vacanze! Aveva questa enorme scala centrale che portava su alle camere... noi eravamo all'ultimo piano, nessun ascensore e l'ombrellone da portare su e giu' tutti i giorni, che mica c'erano le spiagge attrezzate trentatre ...ops, dicevo...tanti anni fa!
Le ricordo come delle vacanze meravigliose, tranne per il venerdi! Il venerdi a pranzo c'era la pasqualina e io ero la classica bambina che non poteva vedere niente nel piatto  che fosse di colore verde! Quella pasqualina ovviamente era un trionfo di verdura, un vero sconforto per me! Ecco, da allora ho avuto un trauma da pasqualina!
Poi arriva lei, la stregaccia, e vince un MTC! E cosa mi tira fuori dal ricettario di casa? o_O
Vabbe'...potevo tirarmi indietro? Ma anche no!
Mi arrendo subito sulla prescinseua, qui non c'e' modo di trovarla. Mi metto a caccia di biete, ma scopro subito che anche quelle sono introvabili... ci sono spinaci, erbette, coste, catalogna ma le biete no!  E andiamo con le coste!
Questa la mia versione, la ricetta della Vitto invece QUI, con tutte le spiegazioni dettagliatissime.


Pasqualina con coste e caprino - mia

Pasta: Impastare 300 gr di farina “0” (meglio manitoba regge meglio quando si tira sottile) con sale, 30 gr di olio, ½ bicchiere di vino bianco secco e circa ½ bicchiere di acqua bastante per una pasta morbida (circa 150 gr di liquidi), ma non appiccicosa. Dividere in 5 palline e fare riposare coperta almeno 1 ora, meglio 2.

Ripieno:
1 kg di coste pulite e tagliate a listarelle
1 scalogno
2 cucchiai di olio evo
2 caprini
50 gr di ricotta salata grattugiata
latte qb
sale
pepe
maggiorana
timo

In una pentola ho messo l'olio, lo scalogno tritato fine e le coste e ho fatto stufare il tutto mescolando di tanto in tanto. Ho aggiustato di sale e aggiunto gli altri profumi. Lasciato raffreddare.
Intanto ho preparato il composto di formaggi schiacciando il caprino con una forchetta, aggiungendo la ricotta salata e il latte poco poco, solo fino ad ottenere un composto cremoso ma solido.
Una volta fredde le coste le ho mescolate con la crema di formaggi.
Intanto avevo steso le sfoglie come indicato nel post della Vitto. Quindi ho foderato una teglia da 23 cm con due sfoglie, adagiato il ripieno e ricoperto con le altre 3 sfoglie. Ho fatto il bordino intorno e poi gonfiato con la cannuccia! Divertentissimo!!!!
Infornato a 180 gradi per circa 35 minuti. Appena sfornata la pasqualina ho spennellato la superficie con un pochino di olio e l'ho lasciata intiepidire prima di procedere al taglio e assaggio!


E a proposito di assaggio, devo ammettere che i miei figli sono migliori di me alla loro eta'!
Hanno assaggiato e anche molto gradito, Samuele ha fatto addirittura il bis dicendomi: "mamma, dovresti farla piu' spesso, e' proprio buona!"  E' piaciuta tantissimo anche a me, trauma finalmente superato!
E son soddisfazioni!!!! ^___^

Grazie Vittoooooo!!!!!!!



Questa e' la mia pasqualina per l'MTC di settembre!


Buona giornata a tutti
Paola
Bookmark and Share
Stampa il post

18 commenti:

Simona ha detto...

tesoro, è una bomba!!!!!!!!!!!
baciotti

Simona ha detto...

P.s. sono la Simo di pensieri e pasticci!

stella ha detto...

ah ha Paola, tutti noi da bambini abbiamo avuto i nostri piccoli traumi, per me per es, era la stracciatella, ogni volta che la vedevo piangevo :-D

TataNora ha detto...

Eccertochesonosoddisfazioni!!!
E che soddisfazioni, visto le foto ed i risultati!
Anche con il caprino a dar sapore alle coste... brava!
Certo che giocare in casa.... non valeeeee!!!
Hahahahaha =D
Nora

Zonzo Lando ha detto...

Semplicemente stupenda!

SQUISITO ha detto...

un classico mai intramontabile!
perfetta!
alla prossima!

grEAT ha detto...

ma è bellissima! ed è venuta una cupola perfetta!
complimenti.

irene

l'albero della carambola ha detto...

Mamma mia paola cara...che Signora Pasqualina...E che fame...Bravissima (forse ci vediamo domani!)
simo

Damiana ha detto...

Ahahah,ti ci vedo a fare smorfie "schifate"dinanzi alla tortina,ne so qualcosa!ma come te,oggi apprezzo tante le verdure e questa tua versione sembra squisita!!Ed ora che il trauma l'hai superato,cerca di rifarla più spesso!!
Un bacione tesoruccio!
p.s chissà quella pensione se esiste ancora,dopotutto è trascorso appena un secolo!!Ciao vecchietta!!

Bianca Neve ha detto...

Fantastica! Nevorrei tanto un pezzetto!

Tiziana ha detto...

allora è stato proprio un bene questa torta.. hai esorcizzato il brutto ricordo di questa torta!! e l'hai fatto proprio bene perchè sembra davvero buona!!!

fantasie ha detto...

Se qualcuno osa proporre per un MTC il polpettone che ha segnato la mia infanzia, facendomelo odiare a vita, giuro che non lo faccio! Sei stata grande!

nadia ha detto...

Paola, da genovese posso dirti che è venuta perfetta, brava!

La Bottega delle Muse - Laboratorio ha detto...

Sei proprio insuperabile!! è splendida!!

Fataricotta ha detto...

Ciao Paola, sono Sara di Ifeelfood! Ci siamo viste oggi al FoodExperience a Milano.msono moltomcontenta di averti conosciuta e spero di rivederti presto! E grazie ancora per avermi " prestato" il tuo fungo..... Ciao!

merincucina ha detto...

ciao!! mi piace questo blog e quello che racconti!!! Forse perchè anche a me non è mai andata giù la pasqualina ma ora...mi è venuta una voglia di soffiare nella cannuccia....perciò la farò!!! E intanto ti seguo!! Ciao a presto Marina

Alessandra Gennaro ha detto...

Senti, a me puoi dirlo: ma com'è, la convivenza con la stregaccia? Che gli altri fanno le frittelle e lei fa dei capolavori, gli altri fan la Pasqualina e lei fa una specie di sette veli che al confronto la Salomè sembra lo yeti... almeno qualche dispetto glielo fate o su Marte non sono concessi? :-)
Senti, ripeto quello che dice Nadia (l'altra buona... ma quanto siete brave, qui sopra????): è perfetta. E anche il ripieno, ci dice.
mi sa che si Marte si deve mangiare benissimo, mi sa...
Ma grande Paoletta!!!

Vitto da Marte ha detto...

Paoletta che bella!!!!
Eddai che le coste sempre bietole sono!
meno male che hai superato il trauma da pasqualina! :-)))

ehm scusa, ma le erbette cosa sarebbero? da noi sono le bietoline da taglio, quelle "giuste" per la pasqualina! hihihihihi
Strega

Posta un commento

Related Posts with Thumbnails